Skip to content

l’inevitabile

quando sei chiuso nella bagno di un ristorante cinese che hai appena imbrattato di vomito
e con della carta igienica in mano che hai appena usato, nel vano tentativo di pulire “almeno il più grosso”,
ti chiedi cosa farebbe un vero uomo in questo caso?
cosa farebbe bruce willis?
come uscirne vittorioso?

niente.

non ci sono scope con cui pulire.
non ci sono finestre da cui scappare.
c’è gente fuori che aspetta.

c’è solo l’inevitabile.

scusate, ma è meglio se non è entrate.

c’è il solo rivolgersi al cameriere cinese che non capisce il termine “rimettere”.

c’è solo lo sguardo sconcertato delle cameriere che aprono la porta del bagno mi guardano e poi chiudono a chiave.

La forza del destino

data la mia mancanza di specializzazione vengo contattato spesso come tuttofare con il computer.
così è successo che il vecchio ufficio dove lavoravo mi ha chiamato per  digitalizzare alcune opere teatrali registrate su nastro.
quindi ora a parte quella cosa figa di mettere su i nastri e vederli girare, mi sto ascoltando  un sacco di cose.
oggi è toccato a “la forza del destino” di g.verdi

la storia è praticamente questa:
leonora è innamorata di  alvaro,
alvaro è innamorato di leonora.
il padre dice no all’amore dei due giovani,
“non vedi” dice lui alla figlia “è mulato” (“è negro” diremmo oggi)
alvaro e leonora decidono di scappare
il padre li scopre
alvaro dice “va be, mi hai beccato,uccidimi”
ma gli cade la pistola  è ammazza il vecchio
carlos, fratello di leonora, decide di ammazzare tutti per vendicarsi
leonora scappa in convento
alvaro dopo alcuni giri si trova in  guerra sotto falso nome
anche carlos si trova in guerra e sotto falso nome diventa super amico di alvaro (entrambi non si sono riconosciuti, beata gioventù…)
alvaro salva carlos
carlos salva alvaro
carlos si accorge che alvaro è alvaro e lo vuole ammazare
alvaro dice “ma come, prima mi salvi e ora mi vuoi ammazare? e poi io sono di sangue nobile, lo giuro, l’ho appena scoperto”
carlos  se ne sbatte, vuole vendicarsi
alvaro scappa e si rifugia in un convento
carlos lo ritrova e giù di spadate
leonora che viveva in una grotta  sente come un rumore di spade, va a vedere e ritrova alvaro che la credeva morta
leonora viene ferita a morte
alvaro dice “e…e..ma…”

la storia si svolge tra spagna e italia  in circa 5 anni,

se anche voi come me vi siete chiesti ma come fanno questi tipi a trovarsi sempre,
sappiate che beppe scioglie tutti i vostri dubbi semplicemente usando il titolo “la forza del destino”.
come quando il prete dice “è il volere di dio”
non puoi controbattere,
loro vincono
tu perdi.
molto belli sono anche “la boheme”, il cui inizio sembra un film porno
e “un turco in italia”, dove potete scoprire che tarantino non ha inventato niente con pulp fiction.

Tagged ,

Crisi d’identità


sono sempre un po’ scettico riguardo i super eroi DC,
perchè sono più legati ai simboli che alle persone:
quindi ci sono stati un sacco di lanterne verdi,
diversi flash,
non so quanti robin
e così via.
bastava piangere un po’ e poi scambiarsi la tuta.

però mi piace quando si ritrovano tutti a far del casino.
tipo in “Kindom Come” o questo volume.

la storia è abbastanza “semplice”,
la moglie di un super eroe muore
quindi tutti i super amici vanno in giro ad investigare.
per mettere su una certa curiosità nel volume tirano fuori
vecchi segreti e dissapori.
ma soprattutto è bello vedere che nonostante  i super poteri,tutti hanno paura di batman.
che è umano
un umano che quando si incazza sono dolori.

da leggere in una domenica pomeriggio,
gli do un bel 7 per i disegnie un bel 7 per la storia.

potete trovare crisi d’identità qua
al prezzo di 20€

se invece cercavate “crisi d’identià” nel senso che non siete sicuri di voi stessi,
forse siete finiti nel posto giusto.
qua si leggono fumetti.
vi consigliamo comunque di consultare un esperto
o di farvi una bella corsa all’aria aperta.

Tagged ,

Atomic Robo

mi sto rendendo conto come spesso i cattivi abbiano i tentacoli,
è un peccato, perchè poi la gente pensa che i polipi siano malvagi

e invece loro se ne stanno tranquillamente nelle profondità del mare a farsi gli affari loro
e se portati in superficie dimostrano grandi doti divinatorie
e perfetto accostamento con le patate.

Atomic Robo è fumetto che mi è piaciuto molto,
direi che un fumetto da “cacata”:
nel senso che è uno di quelli da leggere quando ti prendi i tuoi 10 minuti di libertà.
storia non troppo complicata, personaggi divertenti, niente limonate,
Tesla (lo scienziato più figo di tutti) e bei disegni.

poi ci sono combattimenti tra robot, flash back e anche i nazisti (dei classici come i tentacoli)
tutto questo in circa 4 volumi dal prezzo di circa 15€ l’uno.

60€ sono una bella spesa,
ma niente confronto all’acquisto di una gelateria sulla luna,
un lupo mannaro o un operazione per farsi mettere delle branchie.

potete trovare tutti i volumi a prezzo scontato su amazon.it

Tagged ,

Robot13

mi piaceva l’idea di un robot in mezzo a dei pirati,
ma sinceramente questo fumetto mi ha lasciato un po’ dubbioso.

i disegni sono belli, anche se non ci sono paesaggi ma solo rettangoli colorati di sfondo,
la storia non l’ho capita bene (anche perchè ho letto solo il primo numero).

il fatto che sull’internet non ho trovato alcuna notizia riguardante
il secondo volume, mi fa credere che la gente non apprezzi molto
robot marinai tristi che combattono contro polipi giganti.

forse un fumetto sui polipi giganti sarebbe stato più apprezzato.

potete trovare un anteprima qua
scaricare la simpatica applicazione per iPhone
o quella per Android

non riesco a trovare nessun sito che lo renda disponibile all’acquisto,
credo che sia l’inizio e la fine di questo fumetto.

ho comprato una macchina fotografica da 800€ per fare le foto ai miei fumetti.
una fidanzata mi sarebbe costata molto di più.

Tagged , ,